e del cul facea trombetta

 

taide.jpgHo staccato la maschera dal chiodo e l’ho re-indossata per andare a leggere l’Inferno di Dante ai valorosi miei coetanei che frequentano i corsi dell’Università della terza età.

E il successo è stato tale che abbiamo dovuto traslocare in un’aula più grande – e mi chiedo che abbia in sé il Dante ( e il suo canto più gettonato) per attrarre ancora così vasti uditorii.

 

Già, perché l’università in oggetto non è il solo luogo, in città, in cui si ascoltano professori esimi cimentarsi coll’Alighieri e ho visto gente giovane (e bella, udite, udite! non esistono solo le oche giulive) pendere dalle labbra di quei sapienti con occhi da orgasmo interiore e la nostra prof non si fa scrupolo di parlarci dell’abilità dell’Alighieri nel costruire scene degne di un fumetto postmoderno – e chissà quanti seguaci in più avrebbe avuto il Dorè se alle sue paludate (e bellissime) illustrazioni fosse stato applicato il ‘fumetto’ coi succosi dialoghi tra Virgilio e il pavido Dante e quelli tra i dannati e i diavoli coi runcigli a cui ‘ il cul facea trombetta’.

 

E si imparano un sacco di cose sull’attualità politica comparata a ri-leggere il Dante e la sua Storia di guelfi bianchi e neri e fazioni politiche contrapposte e così rabbiose l’una verso l’altra tal che quella loro guerra ‘fe’ l’Arbia colorata in rosso’ e si esiliavano gli avversari politici -compresi i figli se maggiori di una certa età- al punto che le nostre lotte di fazione destra-sinistra ci appaiono quisquilie e pinzillacchere al confronto – e converrà adottare in futuro le invettive dantesche e la sua inveterata abitudine a conficcare gli avversari politici nella pece bollente o nel buco del c..o di Satanasso per tornare a più virili e vivaci confronti forumistici – se possibile non moderati da ragionieri canossiani in odo(feto)re di ‘menomalechesilvioc’è’.

 

E nel ventiduesimo canto che mi appresto a leggere fra un’ora si fa menzione di maledetti ‘barattieri’: gente che facea baratto di onori e denari spudoratamente e per questo i diavoli Barbariccia e Alichino e Cagnazzo con le ‘sanne’ da cinghiale che gli escono ai lati delle labbra ne artigliano i corpi e ne staccano brani e bocconi e li appendono come nere lontre liscie di pece bollente e giocano a pescarli nel mare nero cogli uncini – e mi chiedo se in quel girone non siano destinati anche i presenti giuda Razzo e Scilipuoti e i Moffa: postmoderni barattieri che hanno venduto la loro dignità personale (ma ne hanno mai avuta una?) per i miserabili trenta denari del Barabba che è a capo dei quaranta (quaranta volte sette) ladroni.

e del cul facea trombettaultima modifica: 2010-12-22T14:14:00+01:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo