Archivi categoria: sondaggi

il bianco negli occhi

locandina.jpgromeus_asp37374img1.jpg 

Va di gran moda la parola ‘perfetta’. Una tempesta perfetta, si dice, per dire di gran forza catastrofica, ma anche ‘La donna perfetta’ che era film straordinario di qualche anno fa: sarcastico, ironico e realistico insieme.

E parlava di donne bioniche costruire ad arte per compiacere le aspettative maschili e virili e si rideva un sacco all’udire le grida felici, alte, piene, inarrestabili, di una di quelle mogli perfette in camera da letto mentre era sotto ai canonici ferri.

 

Ho una gran invidia di quegli uomini che, ironia a parte, riescono a trarre dalle ignude ugole femminili quelle conferme straordinarie della loro virilità. Che è sempre in forse e ‘sotto tiro’ femminile, invece, perché ci tacciano (noi maschi) di chiacchieroni che ci vantiamo di inesistenti prodezze e performances da mille e una notte e basta mezz’ora, invece, ed è grasso che cola in molti casi e subito la sigaretta – e gli tocca perfino (alle valenti partners) fare da ‘insegnante di supporto’ nei troppi casi certificati di ‘ansia da prestazione’ conclamata e vilmente operante.

 

Conosco un tale che mi confida i suoi ludi amatorii e parliamo a cuore aperto e mi racconta di un fenomeno che mi intriga parecchio e mi appassiona: le donne, sotto ai suoi ferri, pare strabuzzino gli occhi e ‘fanno vedere il bianco’ come lui dice. Che impressione, gli rispondo, ma penso anche ‘che fortuna che hai’ – o che valentia amatoria che a me è negata.

 

Di tanti ludi amatorii di una vita pur ricca di soddisfazioni e parecchio varia mai una volta che abbia potuto osservare il bianco degli occhi di un paradiso orgasmico da me procurato, cribbio.

A chi troppo e a chi niente.

E dire che quel tale, per sua stessa ammissione, non ha un coniglio nei pantaloni e smentisce le fantasie oscene femminili sui brunetta del terzo millennio e, sempre cuore alla mano, mi confida che non dura più un quarto d’ora a farla lunga per ottenere quello straordinario risultato e, in paragone, io facevo maratone con le doverose soste ai banchetti dove distribuiscono l’acqua gentilmente offerta dagli sponsors.

Ma di bianco negli occhi neanche l’ombra – per quanti ‘punti g’ abbia cercato e trovato e annesse ‘anse h’ e ‘nicchie f’ ben celate nei labirinti femminili.

Forse si tratta di leggenda ed ennesimo vanto maschile o di strabuzzamento mentale del narratore che scambia il suo desiderio per realtà, non so.

Si rende necessario un nuovo rapporto Kinsey ed è aperto il sondaggio nel mio blog – a cui possono partecipare anche le signore (cotillons e ricchi doni a chi ne offre la prova provata) :

‘Secondo voi si da per davvero il fenomeno amatorio detto de ‘il bianco degli occhi’?

 

Ci auguriamo che sia di breve durata e reversibile così da evitarci l’incontro con spaventevoli ‘zombies’.