Archivi categoria: ieri accadeva

Ieri accadeva

La follia che si accompagna al metodo

‘C’è del metodo in quella follia’, dice Shakespeare di Amleto. E’ da allora, da quei tempi lontani e tragedie ambientate in un castello danese che sappiamo che ‘c’è del marcio in Danimarca’ – e oggi in Germania perché ‘tutto è il mondo è paese’, da che le frontiere si sono aperte o sono state scardinate di forza dai milioni di nuovi barbari inurbati, – e l’orizzonte di futuro prossimo e remoto è un melting pot indistinguibile e umana melassa ed eventi sempre più caotici e non governabili.

E che la follia di Lubitz si trascini dietro il senso di onnipotenza di far morire insieme 149 persone e abbuiarne e disintegrarne le storie è mistero che gli psichiatri si incaricheranno invano di spiegarci, perché in quella follia – come in quella di Amleto – siamo trascinati tutti a forza.
Al punto da dirci tutti ‘anormali’ e mettere in discussione il concetto stesso di normalità, considerata la perdita e l’orphanage collettivo di ogni valore riconosciuto e limite e ‘norma’ universalmente riconosciuta e coralmente rispettata.
E Basaglia, bravamente, ce li ha restituiti, i matti, e li ha detti normali al nostro pari – con qualche picco di confusione e marasma controllabile chimicamente e socialmente accettabile – e, per proprietà transitiva, siamo diventati tutti un manicomio a cielo aperto e dobbiamo elaborarla a forza, la follia, e riconoscere che si accompagna di buon grado al metodo; è lucida e ‘ragionata’ con la freddezza di chi mette mano ai comandi di una aereo e lo porta con regolarità programmata a bassa quota e infine lo schianto.

Ma altre follie metodiche mi sovvengono – come quella di un tale Kabobo, ‘l’uomo nero’ mal integrato e perciò reso ‘folle’, che alle quattro del mattino, armato di piccone, fracassava i crani dei poveri cristi indifesi che incontrava nel silenzio dell’ora, uno via l’altro. La morte che cammina, l’hanno detto, evocando figure simboliche dell’immaginario medioevale esploso prepotentemente nel terzo millennio delle mille sciagure e conflitti permanenti.

E che dire della costituzione di un ‘califfato’, con arruolamenti via internet di ‘cittadini’ rinnegati di seconda generazione, al tempo della tecnologia onnipotente e che apre scenari di conquiste del cosmo e i meravigliosi anelli sotterranei dove i postmoderni stregoni fanno girare vorticosamente la ‘particella di Dio’, vulgo ‘neutrino’?

La storia che va col passo del gambero ci consegna, ad ogni nuovo giorno, il suo ‘fatto del giorno’ malato e sciagurato di una ‘nave dei folli’ umana che si stupisce della sua follia metodica e programmata e lucida perché, da sempre, aspira a scoprire il ‘disegno di Dio’ dietro le caotiche cose del suo vivere e andare e moltiplicarsi conflittuale finché ‘morte non ci separi’ e, di là della morte, è il nulla delle buie origini. L’ultima e prima ‘follia’ che spingeva il poeta a chiedersi: ‘Ma perché dare al sole / perché reggere in vita / chi poi, di quella, consolar convenga? / Se la vita è sventura, / perché da noi sì dura?’

Tale è la vita mortale.

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.

Furia e rumore

Furia e rumore che non significano nulla.

Il documentario sulla vita di Berlinguer di Walter Veltroni comincia con una comica (e un po’ avvilente) citazione dell’Ecclesiaste: ‘Cè un tempo per vivere e un tempo per morire, un tempo per ricordare e un tempo per dimenticare.’
E, ad ascoltare le risposte che danno in apertura di documentario quei giovani immemori di ‘Chi era Berlinguer?’, ti cadono le braccia e ti coglie l’affanno sul tempo della Storia che così repentinamente muta e ‘volge al disio’ e non resta che la cenere al vento delle nostre esistenze e delle nostre azioni sulla faccia del pianeta Terra.
Perché non è come chiedersi:’ Carneade chi era costui?’, come faceva don Abbondio prima di avvistare i bravi che lo minacciarono di morte. Da Carneade ci dividono i millenni mentre Berlinguer è (dovrebbe essere) parte delle nostre storie di ideologie troppo presto appassite e tramontate, di passioni civili per le quali abbiamo combattuto e di un tempo in cui il lavoro era il totem e il Moloch sul quale si misuravano i comportamenti a lungo termine delle famiglie e della società intera.
E, se non aveva ragione su tutto l’ambaradan della terza internazionale e su ‘il socialismo in un solo paese’ o da esportare in altri paesi, armi alla mano, come fece Guevara lasciandoci la vita e la ‘cabeza’, Berlinguer è stato il polo attrattore di una lunghissima serie di tensioni politiche e collettore di eventi tragicissimi: di stragi e assassini politici su commissione e veleni nelle tazzine del caffè propinati a banchieri ormai scomodi e di golpe annunciati o striscianti – e il partito comunista al trenta per cento dei consensi sempre proposto quale ‘forza tranquilla’ e sedatrice di rivoluzioni sociali delle quali non rimanevano che gli echi sotto forma di litanie antifasciste sempre riproposte ad ogni convegno e comizio, come fa la Chiesa con le pretese ‘resurrezioni’ e l’ebraismo con la memoria dell’olocausto: ‘Vietato dimenticare.’ La base di ogni propaganda fide.

E, invece, ecco quei giovani, in apertura di documentario, sorridere e ridere della loro smemoratezza e proporre le figure più improbabili e ridicole in risposta a ‘Chi era Berlinguer.’, – segno che non è affatto vero che: ‘A egregie cose il forte animo accendono le urne dei forti’.
Perché nessuno più, in verità, si affanna a visitare le urne e i cimiteri, il 2 di novembre a parte, di questi tempi e forse non esistono più gli ‘animi dei forti’ e dei lavoratori appassionati di politica sostituiti da un folla di bisnipoti troppo presi dai loro sms e dagli ammennicoli stupidi degli i-pad e degli ‘smartphone’, cambiati ogni due mesi, su cui ficcano la loro vanesia testa da struzzi che non ricordano alcunchè delle lotte per il lavoro e gli scioperi ai cancelli della Fiat e l’onore dei lavoratori travolti da una misera ‘marcia degli impiegati’. Nè gli importa più nulla della democrazia che si difende contro il terrorismo, come faceva Berlinguer-il gigante col fisico di un Davide e armato solo della fionda delle parole che con-vincono. Ma solo per un certo tempo e breve.
Il resto è cenere e vento della Storia che cancella perfino i cimiteri e rende illeggibili le scritte sulle urne. Dei forti e dei deboli, che su questa dolorosa crosta terrestre sono trascorsi senza ben sapere il senso del loro aver vissuto. Furia e rumore che non significano nulla.

Osservazioni dal bordo dei fiumi italici (27/10/2014)

 

Su una cosa Renzi ha ragione. Che certuni ‘intellettuali’ (che lui addita al disprezzo perché pretende di essere ‘l’uomo del fare’) somigliano a quei pensionati che si piazzano davanti a un cantiere e si danno man forte nel dire e sostenere che quell’opera non verrà mai portata a termine.

E, ne converrete, questo genere di convinzione di noi maledetti pensionati ha robusti punti di evidenza e sconforto nella realtà delle cose italiche degli ultimi cinquant’anni. Tanto che esistono o sono esistite (le ho vedute in tivù, giuro) trasmissioni in cui un inviato – chiamato dai cittadini – documentava l’esistenza di autostrade che spurgavano desolantemente in aperta campagna e ponti colossali di cui si mostravano solo i piloni fondativi su entrambe le sponde ed erano un inno al ‘vorrei ma non posso’ delle buone intenzioni dei ‘politici’ di ogni risma e partito; e stazioni della metropolitana quasi finite, ma abbandonate all’azione dei vandali perché non più (o mai) in uso – e chissà quanti miliardi di denari pubblici sono stati versati in quei cantieri che avrebbero conosciuto uso migliore e migliore destinazione di ‘spesa pubblica’.
E taccio l’esito, qui da noi, della mega-opera ingegneristica del terzo millennio che doveva salvarci dalle acque: il famigerato Mo.se. Che gli archeologi del futuro lo scoveranno interrato per l’afflusso incessante dei sedimenti del Po e si chiederanno che caxxo di roba era e a che cosa serviva tutto quel ferraccio e quelle ‘paratie’ e cassoni inutili che ci sono costati una fortuna in corruzioni e ruberie e ‘stipendi’ aggiuntivi per governatori, sindaci e varia genia di politici e funzionari infedeli.

Tutto ciò per dire che abbiamo allo s-governo della nazione un altro ‘uomo della provvidenza’ che sbraita in maniche di camicia nella sua personale ‘convenscion’ con l’arroganza e la pretensiosità di ognuno di quei dessi che hanno detto e promesso nel passato recente e recentissimo mari e monti all’Italia-paese-che-amo (berlusconi, il principe degli imbonitori, per dirne uno, lo ricordate?).

E ieri il ragazzotto rosso fiorentino ha dato il meglio di sé quanto a polemiche sul passato e gli uomini del passato e ci ha frustato, – a noi vecchietti che dell’i pad-tamagochi non sappiamo che farne e i tablets li usiamo come taglieri per le verdure – e ha giurato e spergiurato che ci stupirà ‘con effetti speciali’, e ci farà vedere i fuochi d’artificio della sua generazione-zero: precarietà ad alzo zero e nessun posto di lavoro fisso e salto della quaglia da un lavoro ad un altro – ammesso e non concesso che si capisca, nel futuro prossimo, cosa sia ‘lavoro’ e ‘fare’ operoso e in che modo verranno retribuiti, forse in bonus validi per comprare il prossimo i-pad, chissà.

Okkei, okkei. Tutti i vecchietti e i pensionati e gli intellettuali dei vecchi partiti rottamati si tolgano dal bordo delle transenne dei cantieri testé aperti dal Renzi e si trasferiscano sul bordo del fiume e aspettino con pazienza, sbocconcellando i loro panini stantii con dentro la mortadella rancida di due mesi nel frigo. E’ dal bordo dei maestosi fiumi italici che si osserva meglio il passaggio dei cadaveri gonfi e lividi delle loro reboanti promesse.

foto di Enaz Ocnarf.