Archivi categoria: diario di viaggio

Congedo dai genitori – Ieri accadeva

Di leggende e dintorni – 08 dicembre 2015

Quando prendiamo definitivo congedo dai genitori entriamo e ci stipiamo in quella vasta lounge planetaria dove si smaltisce – con una dolce e ragionata lentezza, per fortuna – la lista d’attesa del nostro stesso congedo corporale. Tocca a noi, ci diciamo – e le notti sono fitte di sogni tormentati e i pensieri molesti, nel dormiveglia, ci spaventano per i troppi misteri del nostro prossimo viaggio e le improbabili e oscure destinazioni, ammesso e non concesso che ve ne siano, – a parte le leggende religiose e le consolanti e/o spaventose figurazioni medioevali che hanno riempito le nostre deboli e condizionabili zucche di bambini fragili e spaventati di tutto.

E’ una lounge confortevole, in verità, con tutti i comforts che la nostra generazione ha saputo/voluto apprestare per i suoi anziani e vecchi: luoghi di cura e di socializzazione un po’ venati di tristezza e rimpianti, ma chi è ‘autosufficiente’ riesce ancora a progettare viaggi e partecipare con un certo impegno e residua autorevolezza alla ‘vita sociale’ – e facebook aiuta, certo, pur se è da usarsi ‘cum grano salis’ e considerarlo un giocattolo un po’ stupido e vanesio, quale effettivamente è per molti, troppi di noi. E pericoloso, se consideriamo l’uso distorto che ne fanno i troppi ‘bulli’ delle nostre scuole e le ‘radicalizzazioni’ para islamiche contorte e stupide che vi avvengono e, finalmente, vengono monitorate dalle ‘intelligences’ dei vari paesi sotto attacco terroristico

E sarà per il fitto calendario funerario dell’ultimo mese appena scorso, durante il quale ho ficcato gli occhi in quelli spaventati dei morituri – e ne coglievo gli angoscianti interrogativi e le segrete paure – la dimensione dell’Ade, dell’Aldilà mi è diventata familiare e, di recente, ho recuperato quel dialogo sapido e pieno di sensatezza filosofica antica di Socrate con i suoi discepoli e l’ho comparato con tutte quelle promesse di Paradisi e Purgatori (gli Inferni no, non sono più di moda, al tempo di Francesco e del suo Giubileo della Misericordia che si celebra in pompa magna e con gran battage pubblicitario dei media servili e ‘più realisti del re’) che mostrano la corda delle nefaste e incorrotte narrazioni medievali. E mi è venuto da sorridere quando un radio-giornalista mi ha spiegato che il riferimento antico della ‘porta santa’ era ad un capro sacrificale – segno che la nostra e le altre religioni non si sono mai troppo distaccate dai tempi mitologici dei popoli pastori che le hanno partorite e riempite delle loro vetuste simbologie e riferimenti rituali e sacrificali, a partire da Isacco, salvato dall’Angelo.

E, per i presenti celebranti e i loro plasmabili ‘fedeli’ dai percorsi mentali labirintici e fittamente nebbiosi, è una manna che la Scienza non abbia saputo produrre altrettanti accattivanti e chiari riferimenti simbolici sostitutivi di quelle leggende fruste e inadeguate a coniugare il presente – che si dibatte, infatti, nei conflitti indotti dallo scontro tra ‘verità rivelate’ (ebraiche, cattoliche e islamiche) da sempre contrapposte e ugualmente riferite alla pastorizia delle origini e ai belati dei caproni sacrificali.

Perché, se la luce della Scienza e relativa Conoscenza, – in questi tormentati decenni di medioevi che ritornano e si scontrano nelle strade di Parigi e nei caffè danesi e musei tunisini e nelle redazioni della libera stampa e negli istituti per handicappati di san Bernardino – se quella luce avesse sfolgorato e prodotto le sue auguste e maestose simbologie di vera e piena Conoscenza non saremmo qui a piangere i nostri morti innocenti e farli benedire in quelle stesse chiese in cui si predicano le verità asfittiche e storicamente violente del nostro scontento (leggetevi la ‘crociata contro gli Albigesi’ o ‘la notte di san Bartolomeo’ e le altre guerre di religione su Wikipedia e ne avrete contezza).

Luce, fate luce!’ si dice che abbia esclamato il Poeta morente. Ce n’è un gran bisogno, in effetti. Non fosse altro che per illuminare il Buio dell’Ade e dirlo il confortante Nulla che ci ha partorito e a cui ritorneremo. Amen e così sia.Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Sapevatelo

 

Bisogna andarci piano, al rientro, evitare gli affollamenti, fare orecchie da mercante relativamente a certi dialoghi da assoluti imbecilli che viaggiano per l’etere di treni, vaporetti, autobus, mercati.
Da evitare come la peste i tiggi e i radiogiornali che danno conto esclusivamente dei treni di Renzi (che ne è stato del suo Air Force One?), degli incessanti barconi della pietà indebita e malintesa e dei drammi sociali relativi all’accoglienza imposta obtorto collo e delle mitiche elezioni che verranno e che riscaldano gli animi al diapason.
Perché, quando si rientra da un viaggio così, da quella Svizzera di cui si diceva: ‘Me ne vado in Svizzera’ proprio per dire di uno stacco necessario, di un oblio, di un cadere di braccia: di un non farcela più a reggere l’andazzo italico del casino e della sempiterna lite sociale e politica tra comari, – quando si rientra, dicevo, bisogna dosare omeopaticamente tutto quanto sa di italiano e nostrano per non rovinare l’effetto di ‘apaisement’ che ti è sedimentato dentro nel visitare le città diverse e nell’osservare i moti e i sorrisi di altri volti e di altri comportamenti sociali; e i dialoghi distesi e mai gridati e i silenzi: quei silenzi che non trovi mai nella partitura italica del concerto quotidiano dissonante e sgangherato con grande finale in frastuono elettorale sempiterno.

E la S-fizzera, cari voi, è davvero un gran bel paese di cittadi ottimamente organizzate e valli incantate e cime celestiali e pascoli che fanno aggio e si impongono sull’idea che abbiamo di paradiso, ma già lo sapete – e la metafora degli orologi svizzeri, che sono l’idea platonica dell’Orologio e perfetta misura del Tempo che passa e ci affanna, già vi dice della capacità di quei popoli di governare gli eventi e dominare sapientemente l’Impero del Caos – fiume carsico che sfoga e riemerge impetuoso a sud del Ticino, nelle terre delle ‘diverse lingue e orribili favelle, / parole di dolore e accenti d’ira’ dell’inferno italico di cui già ci narrava il Poeta secoli orsono.

E gli Svizzeri l’hanno capito da tempo, dai tempi delle guerre di religione della Riforma luterana e calvinista, osteggiata a fil di spada romana e sanguinose notti di san Bartolomeo, che l’isolamento e il chiamarsi fuori dal maledetto caos europeo giovava e giova – e perfino nel presente disordine delle migrazioni selvagge dei ‘popoli del mare’, s-governate dagli imbelli parlamenti nazionali e dalla superfetazione di quello di Strasburgo, i popoli svizzeri trovano una misura di equilibrio che non esclude bensì include, con lodevole senso della misura e parecchio ‘grano salis’, le genti varie e diverse. Incluse e ‘integrate’ solo se troveranno lavoro e casa e si mostreranno rispettose di leggi e divieti e non vagheranno, misere e avvilite, ad elemosinare in permanenza davanti ai supermercati come usa da noi, nel paese dell’accoglienza imposta e dello s-governo permanente delle cose.
Perché, dove il troppo stroppia, ivi è ‘pianto stridor di denti’ e rivolta sociale e dramma mal recitato e possibile e predicibile finale in tragedia. Sapevatelo.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
L'immagine può contenere: 1 persona
Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Gli gnomi e l’etica protestante

 

Chissà se esistono ancora gli ‘gnomi’ di Zurigo. A giudicare dalla deferenza con cui si è rivolto il farmacista di Munsterplatz a un tale entrato dopo di me – come se io fossi scomparso per incanto dalla sua vista e ha interrotto di brutto il dialogo che intratteneva con me in merito ad un farmaco – direi proprio di si.
Gnomi o giganti della finanza – gente che cade, quando cade, sempre in piedi malgrado la crisi delle banche che ha cancellato storiche istituzioni e mandato sul lastrico gli azionisti; ma loro no – loro hanno lucrato buone uscite milionarie alla facciaccia loro e forse vostra.
Gente che proteggeva i Sindona del vasto mondo e i loro capitali sporchi e ne usciva pulita e omaggiata perchè, da sempre, pecunia non olet – e aver a che fare coi soldi a mucchi e quintali solo gli stupidi o i mistici vanesi e vaneggianti non si costruiscono le belle ville immerse nel parchi coloratissimi che fronteggiano e circondano il museo etnografico di Rietberg.
E di ricchezza apparentemente ben gestita parlano i grandi palazzi del centro intorno a Munsterplatz: quello della Usb banca, quello del Credit suisse e della Banca Nazionale.
E passano, una via l’altra, una Ferrari verde marcio , una Porsche Carrera rosa confetto guidata da una sosia di Melania Trump e una Corvette gialla – giusto per dire che l’esibizione sfrontata della ricchezza qui non è un problema e, da noi, invece, gliele avrebbero rigate da far pena o peggio.
E chissà se esiste ancora l’etica protestante – quel rigore nell’amministrare gli affari che ha visto un Fugger diventare ricco come dieci nababbi e tuttavia finanziare la costruzione di famose chiese e commissionare pale d’altare a pittori famosissimi in barba al dettato evangelico che vuole un ricco impossibilitato a passare per la cruna di un ago e un cammello entrare in paradiso. Aggiustatemela voi che oggi sunt un pochet dislessico.

L'immagine può contenere: auto e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Lungo l’Aar

E sarà che la Svizzera è la Svizzera che sappiamo: ordinata e civile come noi ci sogniamo da sempre – e abbiamo mandato nelle sale quel bel film ‘Pane e cioccolata’ con uno strepitoso Manfredi nei panni dell’immigrato che si fa riconoscere e beccare e si merita il foglio di via per aver pisciato in pubblica via. Roba che un nostro immigrato può stuprare, picchiare un agente in flagranza di ‘resistenza alla forza pubblica’ e, dopo due ore, è a piede libero in attesa di processo e te lo ritrovi a Parigi o a Bruxelles a compiere un attentato contro vittime inermi.
Così, giusto per puntualizzare contro quelli che ci dicono ogni minuto secondo che anche noi siamo stati immigrati. Attualizzare e puntualizzare, sempre, cari i nostri buonisti implacabili e recidivi.
E non mancano anche qua, a Berna, quei suonati da centro sociale che scrivono sui muri di una birreria abbandonata lungo l’Aar le frasi stupide che fanno a pugni con la dolcezza della vegetazione autunnale che dovrebbe ispirare ben altri sentimenti. Scrivono che la ricchezza deve ulteriormente spartirsi – come se già non si pagasse il cinquanta per cento di tasse per chi supera una certa soglia di reddito. E, naturalmente, ‘welcome refugees’ – come se non ne mantenessimo già a milioni – e ci costano un sacco di soldi e da quelle enclaves di gente refrattaria ad ogni integrazione escono gli assassini seriali dei tir sulle folle, dei van e dei coltelli. Ma si può essere più scemi di così? Vivete in Svizzera mica nell’Italia dei maledetti barconi.

L'immagine può contenere: ponte, cielo, spazio all'aperto e acqua

Ieri accadeva (31 agosto 2014)

Chissà se anche il Tirolo italiano partecipa dell’infelice divisione dei centomila e passa ‘rifugiati’ dei barconi e dove sono e cosa fanno. Se li ha accolti – obtorto collo, suppongo -, li trovi nelle città più grandi. Bolzano, di certo, dove il melting pot del bilinguismo italo-tedesco ha aperto varchi storici di ‘ospitalità’ in futuro più estese e variate, ma più perché è nelle città che si trovano nicchie di sopravvivenza provvisoria e coatta prima di prendere il largo verso le babilonie europee del nord.

Nelle cittadine come Brunico e nei paesuoli acquattati nelle valli limitrofe proprio non li vedi i mutanti dell’Europa futura che non riusciamo a immaginare – e ci spaventa per le identità irrimediabilmente perdute. Qui trionfa l’etnia unica tirolese contadina e, d’altronde, che ci vivrebbero a fare, africani e siriani e palestinesi, in un’economia alpina e dell’alpeggio che presume la proprietà dei terreni o la mezzadria e origina dalle solitudini dei grandi masi multi familiari (oggi quasi tutti ‘gasthof’ o agriturismo, grazie alle generose elargizioni italiote alla tanto contestata ‘Autonomie’) e grandi cristi appesi lungo i sentieri?

E gli unici ‘marocchini’ di vecchia immigrazione che ho incontrato sul trenino multicolore della Pusteria parlavano un misto di tedesco e residua lingua delle origini e a voce bassa, educatamente, proprio come gli indigeni che affollavano il vagone – segno che il ‘clima sociale’ che ti integra e ti condiziona a dovere funziona, ma tu vallo a raccontare a quegli sbracati cittadini coi telefonini incollati all’orecchio e i toni altissimi delle private conversazioni e il collo delle t-shirt in erezione che incontri a decine nel corso del mesto rientro.

E l’ammirazione che provi per questa gente che ha addomesticato le solitudini alpestri e delle valli silenziose e ha saputo creare ricchezza e benessere pur nell’assoggettamento al nemico storico di ben due guerre è anche per le architetture delle nuove case – sempre eleganti e funzionali e ‘pulite’ e per quei veri e propri templi e cattedrali che sono i fienili e i capanni per il ricovero degli attrezzi, dove trovano spazio perfino i decori e le geometrie delle assi e travi di abete e ne respiri gli olezzi resinosi. Chapeau.

Come recriminava la statua di Garibaldi nel film ‘Il Comandante e la cicogna’: ‘Se lo sapevo vi lasciavo agli austriaci.’ Già.

L'immagine può contenere: montagna, cielo, natura e spazio all'aperto
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Essere e tempo nel corso di un trasloco

 

(…) L’espressione “in-essere” non va intesa in senso pratico come il modo d’essere di qualcosa che è dentro qualcos’altro (come l’acqua nel bicchiere o la chiave nella toppa), cioè la semplice presenza di questo o quell’uomo in questo o quel luogo.
“In” deriva da inna-abitare, habitare (habitus) nel senso di “essere abituato”, “essere familiare con”, “essere solito”.
“In-essere” (essere nel mondo) è dunque la condizione fondamentale dell’esistenza umana, nel senso della sua “condizione normale” (abituale, consueta). È, in altre parole, il modo in cui noi ci “sentiamo di casa nel mondo” (lo abitiamo) a prescindere da ogni ulteriore occupazione e attività (la condizione dell’intimità).
L'”in-essere” può anche essere illustrato attraverso il concetto di “incontro”: Un tavolo non può “incontrare” una sedia così come un esistente umano incontra un altro esistente umano. L’incontro infatti presuppone non una condizione spaziale (siamo semplicemente qui, uno di fronte all’altro), ma un’accessibilità che ci permetta di ri-conoscere l’altro in quanto già da sempre conosciuto (appartenente al “nostro mondo”). Questo modo di essere nel mondo lo chiamiamo effettività; questo concetto indica le consuetudini, la familiarità col mondo di un essere che si percepisce (si comprende) come legato nel suo “destino” all’essere che incontra nel proprio mondo. (…) (da ‘Wikipedia’)

E’ anche una questione filosofica, come si evince dalla citazione qui sopra esposta che tenta di sintetizzare il corpus filosofico di Heidegger, non riuscendoci, in verità.

E’ una questione di sguardi, come quelli che rivolgiamo ogni mattina all’esterno delle nostre finestre e abbiamo riconoscimento di ‘heimat’, di ‘patria’ o ‘casa’, in senso estensivo, e se sono i ‘quattro muri marc(s)i’ di Venezia – come si esprimeva una mia conoscente costretta all’esodo, e la sua espressione rabbiosa nascondeva il dolore dell’espianto e della perdita – quegli sguardi si misureranno, da qui a qualche mese, con la vigna e i campi coltivati di una nuova casa che non è poi così male, tutto sommato: ultimo lembo di campagna e propaggine di una cittadina che già dà rifugio a una quantità di esuli di questa città conquistata coll’impero dei soldi e afflitta da esorbitanti numeri di turisti. Città loro, oramai, e la ri-conoscibilità hedeggheriana dei veneziani nei loro confronti è quella degli ‘schei’, che intascano a man bassa affittando le loro case e quelle che furono dei genitori ed è il business maggiore del tempo presente (essere e tempo, vedete come torna prepotente Heidegger) e quello dei nipoti, per i bisnipoti si vedrà.

In realtà è anche una questione di lavoro, perché un trasloco di 45 anni di vita è un lavoro immenso e per l’ottantacinque per cento è fatto di libri, cultura cartacea che pesa, ahi se pesa! e ti costringe a piccoli cartoni impilati uno sull’altro e che sorreggono i ‘quattro muri marsi’ di questa casa che verrà rivoltata come un calzino e sarà la nicchia di un’altra storia, una storia cino-americana: in omaggio ai tempi presenti e alla multietnicità di cui questa città è l’epitome da tempi immemorati e crocevia culturale.

E mi capita, nel passeggiare che faccio tra uno scatolone e l’altro lungo il nostro lungofiume che è il canale della Giudecca, di subire i segreti languori che furono di Lucia Mondella nel suo lirico pensare: « Addio, monti sorgenti dall’acque, ed elevati al cielo; cime inuguali, note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non meno che lo sia l’aspetto de’ suoi più familiari; torrenti, de’ quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti; addio! Quanto è tristo il passo di chi, cresciuto tra voi, se ne allontana! ‘ . Mutatis mutandi, naturalmente, e sostituite i monti e i torrenti e le ville sparse con i canali immoti e lo sguardo aperto del bacino di san Marco e le cupole delle chiese e i campanili e gli angeli e i santi e le madonne eretti sulla sommità ma ormai stanchi di vigilare su un mondo che più non se ne cura e cambia nel tempo a dispetto di quel ‘Essere Venezia’ che ha allungato le sue radici dentro di noi malgrado il fastidio che montava per il ‘troppo che stroppia’ in cui sta naufragando la città a causa degli imbelli amministratori succedutisi nel tempo della sua condanna storica.
Essere e tempo, come vedete, e difficile riconoscibilità dei tempi presenti e tuttavia ‘radici’ e ‘nostalgia.
Il ‘nostos algo’ di Odisseo – e che ‘la forza sia con me’, ne ho un gran bisogno.

L'immagine può contenere: cielo, spazio all'aperto e acqua
L'immagine può contenere: cielo, spazio all'aperto e acqua

Parce sepulto

E, non diversamente da un archeologo al lavoro sul campo, estraggo dal fondo dei cassetti gli oggetti dimenticati e ‘in sonno’ e li valuto per il peso e l’ingombro e l’inutilità prossima e futura – eppure li ho identificati e comperati per un uso che il tempo ha cancellato e sono stati relegati in seconda e terza fila nei polverosi scaffali e lì dimenticati, non diversamente dalle nostre vite in quest’era senile crudele in cui ci addentriamo sospettosi e rabbiosi e incerti, –ma non era da meno, nel suo farsi e definirsi, l’era lontana della giovinezza e dell’età adulta e solo la forza dei muscoli e dei tendini e dei nervi ci accompagnava nelle imprese quotidiane e ci diceva guerrieri vincenti.

E l’archeologia domestica degli scatoloni e degli scaffali finalmente vuoti e pronti per il passaggio di mano a qualche sconosciuto usufruitore ti rimanda, nel correre dei pensieri oziosi, a tutta l’archeologia sociale e politica dei giornali che leggi distrattamente mentre ne avviluppi gli oggetti più fragili.
Epopee di carta e parole in cui abbiamo vissuto e combattuto battaglie di avanguardia e di retroguardia e mi passano davanti agli occhi Craxi e i craxiani e i ‘favolosi’ Ottanta della Milano da bere e da cantarne i peana dei socialisti ambrosiani arrembanti sugli altari di Montecitorio, ma poi nella polvere dei ‘mariuoli’ di Mario Chiesa e del Pio albergo Trivulzio.
E, ancora, lo tsunami di ‘Mani Pulite’ – che sembrava consegnarci il trofeo ambitissimo di una vittoria contro la corruzione dilagante nella prima repubblica, ma oggi siamo ancora lì nei pressi: corrotti e corrompibili alla terza e quarta crociata perché è una fede, quella del rubare e malversare nella cosa pubblica, e una religione da cui mai riusciremo a congedarci, diversamente da questo mio riempire scatoloni e sacchi e valigie e cercare invano un riconoscimento e una identità del passato che sempre più ci guarda con occhi vitrei e distanti.
E non siamo più quelli che siamo stati e viviamo vite a compartimenti stagni e mostriamo le ‘spalle al futuro’ perché apparteniamo ad ogni presente che si fa subito passato e ‘paesaggio nella nebbia’ come nel film di Anghelopous – che narrava di bambini sperduti e di storie patrie brumose e che ‘non macinano più’, come tutta l’acqua che è ‘passata sotto i ponti’ delle nostre vite e trascina seco i sedimenti dei monti che abbiamo scalato e della terra che abbiamo calpestato e ci ricoprirà, prima o poi. Parce sepulto.

L'immagine può contenere: montagna, cielo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua
L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, cielo, spazio all'aperto e natura
L'immagine può contenere: albero, pianta, spazio all'aperto e natura

La città futura

La città futura

Mi sono aggirato nei labirinti luridi del mio primo slum metropolitano a 20 anni, a Manila e, quando ne parlai a un amico che lavorava nella capitale, mi disse che ero fortunato di esserne uscito indenne. Mi muoveva la curiosità di tutte quelle persone chiuse in quella dimensione urbana di miseria eclatante e fatica di vivere e nessuna speranza, a breve, di uscire da quel ghetto osceno, crudelmente contrapposto alla città di pietra e monumenti e strade pulite ed edifici governativi e ristoranti e cinema, insomma il ‘centro’: motore della fragile economia metropolitana che tutto sostiene, anche le briciole che si portano via gli ultimi e i marginali: gli abitanti degli slums.

E anche Bruxelles, l’oscena capitale del ‘plat pays’ cantato da J. Brel (in realtà un paesaggio ondulato e fitto di boschi e foreste) ha il suo ‘centro’: motore di una economia turistica asfittica e massimamente caotica – e a stento si passa tra i tavoli e le sedie delle strette viuzze e delle piazzette dove fastidiosi ‘mettidentro’ insistono a rifilarti il piatto del giorno e le altre schifezze precotte di quasi tutti i ristoranti turistici all over the world.
E Bruxelles ha anch’essa il suo ‘slum’ – l’immenso distendersi di una crosta di periferia urbana oscena a vedersi e a udirsi (diverse lingue, orribili favelle, parole di dolore, accenti d’ira) che ieri era dormitorio delle truppe di lavoratori di una immigrazione interna all’Europa, sopratutto italiana (le miniere del Belgio e le attività metallurgiche oggi morte e sepolte) e oggi è il teatro all’aperto di apparenza miserabile e fitto di cartacce e lattine di una immigrazione ‘mondialista’ come si ama dire.
E, se percorrete la rue Charles Quint in direzione del centro storico, avrete la plastica rappresentazione di come si presenteranno ai figli e ai nipoti tutte le metropoli europee affannate dall’immigrazione selvaggia di questi anni da qui a un decennio. E ancora non mi è chiaro quali mani ‘coloured’ e barbe arabe e menti future di chissà che provenienza e tradizione e cultura di origine saranno incaricate di gestire gli archivi della cultura europea occidentale custodita nei musei e nelle pinacoteche che visitiamo e chi dirigerà i concerti della meravigliosa musica classica di Bach e Haendel e Mozart nei teatri storici e negli auditorium.

Però abbiamo già i molti sacerdoti neri che cogestiscono la grande chiesa del Sacre Coeur e officiano i riti funebri e vi celebrano i matrimoni – e così ci è chiaro il perché, in tanta ‘crisi delle vocazioni’ bianche e occidentali, il papa di Roma insista così tanto nel voler accogliere tutti i sedicenti profughi – qualche prete ne uscirà dalle centinaia di migliaia che accogliamo obtorto collo nella tanto generosa Europa vogliosa di mutazioni epocali.
E, se si eccettua la meravigliosa cattedrale bianca che svetta nel suo biancore gotico sopra il suo alto zoccolo di gradoni con-colori, neanche il centro storico e la sua ‘piazza grande’ danno emozioni estetiche degne di nota. E vien voglia di scappare al più presto per chi, come noi, ‘ha visto Gand’ e Bruges – scappare con l’amaro in bocca da questa metropoli futura che ci spinge a rifugiarci mentalmente in un impossibile ‘ritorno al passato’.

E sarà per l’affanno dalla calura estiva e la quantità inverosimile di turisti – che pare di essere a Venezia nella sua devastata ‘area marciana’ con le cavallette del ‘mordi e fuggi’ quotidiano – che lascio mia figlia seduta su un muretto a far riposare i suoi borders e mi spingo in un bar poco distante e ordino una ‘Leffe’ bionda e chiacchiero con il facondo gestore, un belga bianco per antico pelo sopravvissuto alla mutazione epocale della sua città e gli chiedo come va, dopo la mattanza dei ‘radicalizzati sul web’ ultima scorsa.
Risponde: ‘Bene.’ con un suo certo disagio mal celato, ma poi aggiunge: ‘On sait bien que ce n’est pas fini.’ Sappiamo bene che non è finita, già.

E, cercando la via del ritorno al parcheggio dove abbiamo lasciato la macchina, passiamo per un lungo-fiume dove l’amministrazione comunale, disperata dopo gli ultimi eventi tragici, ha effigiato una quantità di gente multi colore e di etnia diversa tutti sorridenti e, nell’intenzione e nella speranza degli autori istituzionali, ben integrati e contenti di vivere colà – tutti insieme appassionatamente, nel Belgistan dei nostri tormenti e dubbi atroci. Compresi i poliziotti bianchi delle molte auto-pattuglie che sfrecciano ininterrottamente per via Charles Quint e istituiscono i posti di blocco e sorridono tra loro e si danno pacche sulle spalle – forse felici per la quantità di lavoro che viene assicurata loro dalla città futura delle banlieueus multietniche.

Facciamoci gli auguri. Molti radicalizzati sono già tra noi – lo hanno detto in molti articoli i valenti giornalisti bene addentro alle ‘intelligences’ dei vari paesi sotto attacco – e molti altri ne andiamo a prendere quotidianamente con le ‘navi dei folli’ di Frontex, giusto a dieci miglia nautiche dalla Libia. Buonismo o masochismo? Chi vivrà dirà. Per intanto i cocci di questa ondata di miseria di ritorno (e i morti e i feriti per le strade) sono nostri.

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.

Le torri e la Storia

E a dirci la Storia sono le architetture e le pitture e le biblioteche – che qui a Gand si sono mantenute pressoché integre, malgrado guerre e alluvioni e le religioni e gli scismi – che gli opposti di fede andavano casa per casa a sgozzare intere famiglie, peggio degli Hutu e dei Tutsi – e Bruges si appoggiava all’Inghilterra fiera dei suo commerci marittimi e con l’entroterra e la puniva il re francese tombando i suoi canali e distruggendo le mura , – il tormentone tragico di quei secoli di dinastie che si succedevano succhiando e spargendo sangue ad ogni detronizzazione e nuova intronizzazione e il papa di Roma come potente supervisore o alleato o nemico che ‘sterminateli tutti, dio riconoscerà i suoi’.

Però la Storia offre brevi o lunghe distensioni e momenti di pace e di straordinario sviluppo economico ed ecco alzarsi le torri ed erigersi le meravigliose cattedrali – e perfino il mercato coperto della città di Gand pare una chiesa e mostra i contrafforti all’esterno – il mercato come religione laica e i mercanti i suoi sacerdoti ricchi e pii e che finanziavano le guerre dei principi, ma alcuni, illuminati ante litteram, costruivano i quartieri operai e artigiani a prezzi calmierati e abbellivano la città con ‘periferie’ che oggi ce le sogniamo….

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.

 

Le meravigliose case di Gand

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.

Gli auspicati orizzonti di futuro

 

E’ certo che tra l’abitare la verticalità o l’orizzontalità, per una volta, sceglierei la seconda. E l’immobilità assoluta del canale e la struttura in acciaio e la stazza e la quantità di stanze sottobordo che si infilano una dietro l’altra e l’eleganza da ‘design’ di alcune di queste gigantesche ‘peate’ che un tempo solcavano i canali e bordeggiavano sotto costa sono tali da dirle migliori delle case nuove di abitazione in periferia e seconde solo alle meravigliose case storiche del centro che salgono per gradoni successivi e disegnano la spettacolarità del triangolo che le chiude in altezza con gli interni abbaini e dell’insieme della Gand fiamminga di Van Eyck e di Robert Campin, il Maestro di Flèmalle.

E camminarci di mattina, appena dopo l’alba, lungo il canale immobile e le case a specchio e un’arietta sbarazzina che ti fa dimenticare l’afosa stanza priva di aria condizionata della notte è piacere da re e tutte quelle figliole da Ovomaltina che sfilano in bicicletta pedalando di buona lena la dicono città felice o anche solo serena, – che, di questi tempi di morti ammazzati e ‘radicalizzati sul web’ incistati nelle banlieues delle città del Belgio, è cosa preziosissima e auspicato orizzonte di futuro…. (segue)

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.