Viva l’Arte viva (2)

Viva l’Arte viva (2)

Dobbiamo includere l’Azerbaigian nelle nostre rassegne-stampa quotidiane. Perché, a detta dei curatori dell’esposizione che gli artisti azerbaigiani ci mostrano a campo S. Stefano (palazzo Lezze), è il paese esemplare della convivenza possibile e del più pacifico melting pot che si dà sul pianeta Terra.
Verifichiamo la cosa e teniamolo in palmo di mano e indichiamolo ad esempio planetario, un tale paese felice. Perché l’affermazione del curatore (Martin Roth) è perentoria e ci stupisce per la sua perentorietà: ‘L’Azerbaigian è un esempio assoluto di convivenza tollerante tra genti di culture diverse.’ Perbacco.

La cosa va studiata e, di questi tempi, portata all’attenzione delle scuole europee di ogni ordine e grado e discussa con assoluta priorità nei parlamenti europei e nazionali che dovranno mandare i loro emissari nel paese asiatico per capire e vedere come si fa.
Magari si scopre che non ci sono fiumi di profughi richiedenti asilo che premono alle frontiere azerbaigiane come da noi sul Mediterraneo e nei campi profughi della Turchia – e ci costano una fortuna in assistenza diretta (paghiamo la Turchia per la loro contenzione) e in quella indiretta delle carceri che ne ospitano un buon numero; e i rimpatri dei non aventi diritto sono ostacolati e rimandati alle calende greche dai ricorsi giudiziari di primo e secondo grado.
E magari scopriremo che in Azerbaigian non sono cresciute a dismisura le enclaves islamiche con moschee a predicazione radicale incistate nelle periferie urbane delle loro città e l’integrazione laggiù funziona benissimo e possono insegnarci qualcosa, chissà.

L’Arte al servizio dell’esemplarità politica è una gran novità e ce ne rallegriamo e giuriamo di svolgere approfondite ricerche su questo paese magnifico nunzio di un grande futuro di pace e pacifiche convivenze sul pianeta Terra. Viva l’Arte viva che ci parla di politica e di società e culture diverse come si deve – ed esprimiamo voti che sia tutto vero, naturalmente.

Viva l’Arte viva (2)ultima modifica: 2017-05-30T09:33:52+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo