Comprese le donne e i bambini (2)

Ogni dramma sociale ha come suo corollario psicologico l’accettazione collettiva del suo esistere e svilupparsi in mortali metastasi. Esistere forzato (perché non sappiamo/possiamo estirpare le cause del male) o indotto dall’imperare di falsi pietismi e pelose misericordie che pretendono di superare gli ambiti dell’azione individuale o di piccolo gruppo e si impongono quale azione politica di partiti e annesse associazioni e o.n.g.
Ed è qui il caso di ricordare che, a specchio dei presenti drammi sociali che viviamo, è il ricordo di un’educazione della prole che per la nostra generazione e le precedenti fu di grande severità dei genitori e dei maestri di scuola e oggi è un dilagare di comportamenti ‘bulleschi’ e volgari – e i maestri e i professori vengono intimiditi dai genitori permissivi o assenti se solo alzano la voce severa per reprimere i comportamenti devianti o violenti.
E quanto succede alle società europee in questo scorcio di infausto millennio entrante – di attentati e stragi ricorrenti e annunciate di bulli jiahdisti assassini già profughi e richiedenti asilo – è l’erompere del male sociale iniziato oltre quarant’anni fa con le tolleranti e miopi politiche immigratorie che hanno creato le enclaves islamiche radicali nelle periferie delle nostre città e l’accettazione di uno stato di guerra interna e vite blindate conseguente alle cattive politiche incapaci di elaborare le integrazioni necessarie e gli inserimenti graduali e controllati nei numeri e negli ingressi di quei corpi e culture e religioni estranee nel tessuto della civiltà occidentale.
E l’avanzare del male e la sua diffusione in metastasi incontrollabili è stato favorito da quei medici pietosi a sproposito che tuttora credono che un’epidemia di migrazioni a cinque/sei zeri annui sia curabile coi buoni e pii propositi del volontariato crocerossino e della predicazione francescana de ‘tutti fratelli’. Mentre dilaga il proselitismo islamista radicale che ci indica quali crociati da sterminare senza pietà, comprese le donne e i bambini.
Comprese le donne e i bambini (2)ultima modifica: 2017-05-27T09:38:02+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo