I ‘morituri’ che siamo e che vogliamo.

 

Chissà se l’attentato di ieri sera, in una Parigi sempre più deserta di turisti e di ‘bon viveurs’, avrà come effetto un due o tre per cento di voti in più verso il candidato Marine Le Pen.
E’ probabile ma, se avverrà, l’effetto emotivo e rabbioso durerà ‘l’espace d’un matin’ perché già al ballottaggio, solo quindici giorni dopo, la grande coalizione degli sconfitti impedirà che si compia ciò che non sarebbe male si compisse: l’ingresso all’Eliseo di un uomo (in questo caso una donna) forte, fortissima nelle sue determinazioni a fare terra bruciata intorno ai killers e ai loro complici e a scovare i troppi covi e le tane e le moschee delle predicazioni dell’odio delle ‘serpi in seno’ velenose cresciute nelle enclaves delle banlieues parigine e belghe – quei natural born killers, assassini di seconda o terza generazione di immigrati islamici, che tuttora qualche infiammato e rintronato buonista si ostina a indicare quali ‘francesi’ o ‘belgi’, giusto per attenuare l’impatto devastante che hanno presso l’opinione pubblica quei loro nomi arabi che ne denunciano l’affiliazione familiare e religiosa e il loro essere dei maledetti rinnegati del paese che li ha accolti e invano ha provato ad integrarli e dirli veri cittadini francesi o belgi.

Ed è questo quadro di facile predizione di impotenza e ‘dejà vu’ che sgomenta e ci dice ‘morituri’ di una guerra per bande sedicenti religiose – e siamo tutti vittime designate e facilmente sgozzabili e abbattibili sugli altari dell’odio islamista radicale sull’orizzonte di un futuro prossimo.
E la varietà dei nostri ‘modi di morire’ che ci si disegna di fronte va dai coltelli del singolo imbecille, sedicente ‘combattente’ e, in realtà, miserabile assassino di vittime inermi, che ti pugnala in un autobus o nei treni della metropolitana, alla tabula rasa e scempio dei corpi dei tir lanciati sulla folla a folle velocità, per finire coi colpi di kalashnikov nei teatri o nei supermercati o negli aeroporti nelle ore di punta.

Una ‘guerra’ vigliacca e stupida che ci hanno dichiarato quei folli figli di immigrati di seconda o terza generazione alla quale contrapponiamo le blande misure di sicurezza e di ‘ordine pubblico’ che non dissuadono nessuno di quegli assassini rinnegati dal demordere e rinunciare ai loro progetti di morte e stragi.
E solo il miracolo di una ferma determinazione a cambiare le politiche immigratorie e di ordine pubblico e misure di integrazione ‘prendere o lasciare’ prossime venture potrebbero salvare qualcuna delle vittime annunciate dei prossimi giorni e mesi e anni, ma gli stolti e ostinati buonisti continueranno a recitare le geremiadi dei loro pelosi distinguo e le demonizzazioni verso i candidati che dicono ‘populisti’ – e toccherà accettare l’infame sorte di morire inermi e buonisti per omnia saecula saeculorum, maledendo l’imbecillità di quei peggior ciechi che non vogliono vedere.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
I ‘morituri’ che siamo e che vogliamo.ultima modifica: 2017-04-21T12:24:42+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo