L’Occidente morituro e la guerra dei trent’anni che ci aspetta.

 

Stamattina i gabbiani appollaiati sui tetti si rilanciavano in coro quel loro lugubre grido gutturale – forse per il torto che hanno subito di non poter più rompere i sacchetti dell’immondizia non più appesi di fuori e saziarsi dei nostri rifiuti – e mi hanno fatto venire in mente quel che mi ha raccontato mia figlia, mesi fa: di quando saziava un nuovo nato confidente, pronta ad ogni suo richiamo famelico – e l‘aveva chiamato poeticamente Livingstone – e un giorno, il volatile ormai cresciuto e in forze, quella affettuosa confidenza si era mutata in una beccata in un occhio schivata per miracolo e il nome venne cambiato in Hannibal.

E uguale atteggiamento mi viene richiamato osservando e ascoltando i video di rabbiosa predicazione dell’odio islamista di quel tale, tardivamente ucciso ieri a Londra, ma che già aveva disseminato di morti e feriti innocenti l’area antistante il parlamento britannico. Serpe in seno della vastissima immigrazione di un Europa pietosa e accogliente a dismisura che ha riempito le periferie urbane delle sue metropoli di genti ostili e niente affatto integrati e felici di vivere nell’Occidente del loro sogno di una vita migliore che li ha spinti ad emigrare e violare le nostre frontiere di mare e di terra.

E oggi abbiamo articoli a iosa – come sempre dopo ogni attentato e maledetta strage degli islamisti assassini – che ci richiamano e descrivono la follia di quella politica di accoglienza non vigile, non attenta ai fenomeni correlati all’immigrazione massiccia che ha cambiato il volto delle nostre città. Ma in primo piano sono le orazioni funebri e quelle annunciate dei morti e feriti di una guerra che non vogliamo/sappiamo combattere con la necessaria fermezza che si deve a quelle vittime innocenti di un odio incomprensibile e ‘odioso’ nel suo imporsi come guerra intestina delle enclaves islamiche europee a cui Erdogan-il califfo raccomanda di ‘fare più figli’ per vincere con la forza dei numeri e imporre la sua sharia nelle terre indifese dell’Occidente morituro.

charlie-hebdo-nizza

L’Occidente morituro e la guerra dei trent’anni che ci aspetta.ultima modifica: 2017-03-23T16:06:35+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo