L’Architettura delle origini

Andare per mostre (2)

…ed è come un excursus storico di grande respiro e ‘preso alla lontana’. Come se, per dare un senso alle architetture post moderne dovessimo sempre rapportarci alle origini. Da dove veniamo per capire dove andiamo, – se davvero andiamo da qualche parte e un qualche ‘progresso’ connota il nostro andare a tentoni nella Storia.
E c’è chi ci rappresenta l’informe concretezza del caos come una nuvola rappresa che l’uomo domina da par suo ed esplora le sue caverne e interne concrezioni e gruviera speleologici e chi ci ricorda l’opera e l’ingegno di ricercatrice di Maria Reiche – la cui suggestiva foto di schiena in piedi su una scala di alluminio e di fronte l’arido deserto delle ‘linee di Nazca’ campeggia nel manifesto della Mostra.
Foto emblematica che ci dice che ogni opera geniale e meritevole di attenzione nasce dalle piccole cose: la sua scala di alluminio di ricercatrice così come i paletti e le corde degli architetti della civiltà Nazca che servirono a disegnare quelle enormi figure che dovevano essere viste dal Cielo, secondo alcuni ricercatori, e segna(la)re una comune ‘via delle stelle’ (da dove veniamo e dove andiamo), ma, secondo altri, servivano piuttosto a un progetto di irrigazione, – buffa ipotesi per un deserto così arido e privo di vento che ci ha conservato i meravigliosi disegni aero-terrestri per secoli.

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
L’Architettura delle originiultima modifica: 2016-06-01T09:47:29+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo