Le follie della Storia

Le follie della Storia

Ogni congiuntura storica ha le sue celebrazioni e gli apologeti che le magnificano e ce le spacciano quali ‘il miglior mondo possibile’ dove vivere e gioire ad onta delle evidenze di disordine e affanno e facili predizioni nere.
E, stamattina, Francesco Merlo, a ‘Prima pagina’, magnificava i colori primari: il bianco e il nero, e parlava di Obama e di Francesco, il papa bianco e il papa nero: i due ‘migranti’ di successo di un mondo che si vuole che vada verso il melting pot globale, – costi quel che ci costa e incuranti, gli attuali s-governanti, del caos che ne consegue in cronaca e delle distruzioni identitarie e ‘guerre di civiltà’ che provocano/cheranno queste ondate di tsunami di popoli in fuga dalle loro storie e patrie.
E, appassionato di storia come sono, ascoltavo, ieri, i resoconti tragicissimi dei primi due decenni del secolo appena scorso durante i quali, tra gli intellettuali e gli artisti e le ‘avanguardie’, trionfava il verbo mortifero di: ‘Alla guerra! Alla guerra!’ – cachinno stolido e insensato che esprimeva il disprezzo di quelli intellettuali un filo suonati (Marinetti, Papini) verso il relativo benessere che connotava gli ultimi decenni dell’Ottocento e l’utopia prossima delle ‘magnifiche sorti e progressive’ che conseguiva alle invenzioni e scoperte (i lampioni a gas, l’acqua nelle case) che avevano migliorato la vita di (quasi) tutti.
E pare davvero che non via sia argine e freno possibile alla demenza dei popoli e dei loro s-governanti nella Storia quando iniziano gli scatenamenti mortiferi che nessun apprendista stregone (nemmeno Renzi, nemmeno la Merkel) sa come fermare. ‘Non sanno come fermare quegli spiriti che essi stessi hanno evocato.’ si scrive nel Faust, l’apprendista-stregone per antomasia.
Così tocca osservare, desolati e avviliti per la Storia che non è mai maestra di vita, quest’altra catastrofe annunciata dei milioni di nuovi barbari in marcia verso il centro del fragilissimo impero europeo che, come quello Romano in decadenza, va vistosamente perdendo pezzi – e gli stanchi senatori, ieri come oggi, hanno rinunciato a difendere i confini e nessun Gaio Mario e Cesare è alle viste che sappia condurre le legioni alla vittoria.
E il rischio è che si ricostituisca, invece, l’impero Ottomano defunto agli inizi del Novecento, – che già spedisce le sue orde pacifiche e dolenti (pacifiche?) a centinaia di migliaia verso il cuore dell’Europa e crea le teste di ponte di una futura rivalsa e scardinamento dall’interno: con le azioni mirate dei commandos terroristici ‘in franchising’ su internet. Mala tempora currunt. Chi vivrà vedrà.

foto di Enaz Ocnarf.
foto di Enaz Ocnarf.
Le follie della Storiaultima modifica: 2015-09-24T09:48:30+00:00da nunvereggecchiu
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Le follie della Storia

  1. Caro Chiara, sono d’accordo con te, e penso che la cosa migliore che possano fare i cattolici non molto credenti come me sia quella di pregare, non solo per la salvezza delle anime degli eretici, dei pagani, degli atei, ma anche dei nostri fratelli cristiani, che invece di difendere la propria fede e sopratutto i diritti civili di tutti si stanno prodigando per l’accoglienza di tanti immigrati islamici, senza neanche chiedere loro di riformare la loro religione almeno nelle parti in cui prescrive la discriminazione dei fedeli delle religioni del Libro e persino l’uccisione dei pagani e degli atei e cosi facendo rischiano di farsi complici del Maligno e contribuire a spopolare pericolosamente il Paradiso con la conseguenza di costringere le autorità che lo governano a respingere dalle sue frontiere persino qualche Alto Prelato o Cardinale e a punire il Papa che avesse peccato di ignavia per non contrastare il buonismo dei suoi fedeli imponendogli l’aureola non di Santo Padre ma di San Babbeo…

    Buona prece
    Fire

I commenti sono chiusi.