Comprese le donne e i bambini

Comprese le donne e i bambini

Bisogna saperlo immaginare il Medioevo delle figurazioni e suggestioni religiose che riempivano la vita delle persone dal primo attimo in cui aprivano gli occhi e scendevano dai miseri giacigli e uscivano nell’aia e ringraziavano Dio per la vita di quel giorno e la salute.
E le grandi cattedrali e le più belle e antiche moschee nascono da quegli sguardi e pensieri e sottomissioni di contadini e artigiani costruttori all’idea di un Essere Creatore e Supremo Giudice e severo di ogni nostra azione. E accettavano e trovavano giusti e condivisibili i ‘giudizi di Dio’ che si combattevano nelle arene pubbliche e le punizioni corporali e le torture e le pene di morte inflitte ai dissidenti e agli eretici con la stessa semplicità e naturalezza con cui noi oggi ci misuriamo con la libertà assoluta dei comportamenti del nostro essere laici cittadini di un mondo democratico e non più cristiano (o diversamente cristiano, come piace dire ai ‘politicamente corretti’).

Una tale premessa per dire che bisogna saper immaginare il medioevo religioso e suggestivo e atavico che agisce nelle menti degli attentatori di ogni risma e luogo del pianeta per capire il senso del loro agire e mirare all’indifeso futuro delle generazioni ultime – come hanno fatto ieri sera a Manchester, in un teatro che ospitava giovanissimi cittadini e perfino bambini innamorati di musica e canzoni.

E non abbiano ancora elementi di indagine riportati in chiaro sui giornali, ma, chissà perché, diamo per scontato che solo la follia islamista radicale degli assassini stragisti e il medioevo che alligna nelle loro menti malate sia la fucina in cui si è costruita quest’ennesima ‘strage degli innocenti’ che ci avvilisce per la sua prevedibilità e ricorrenza e predizione facile che ‘non sarà l’ultima’, – e come potrebbe?

Come potrebbe in un Europa ormai fitta di ‘enclaves’ islamiste radicali che sono l’acqua torbida dei fiumi in cui nuotano i maledetti pirana assassini delle stragi e delle mattanze dei camions lanciati sulla folla indifesa e inerme?
E’ una guerra persa, quella che si combatte con le mani legate da un buonismo diffuso e stolidamente ‘accogliente’ che continua a esortare, ad ogni ricorrenza di strage e di morti sulle strade, di ‘non fare di ogni erba un fascio’ – e tuttavia quelle periferie urbane e ‘banlieues’ fitte di una immigrazione rabbiosa e male o per nulla integrata sono lì a mostrarci le facce nemiche e ostili tra le quali si nascondono gli assassini.
Gente che vive, scrivono i giornalisti dei molti reportages che abbiamo letto in questi anni di stragi, il disagio sociale del non lavoro o del lavoro sottopagato e ce lo rimproverano, condendolo con le ataviche risorgenze del medioevo islamico che ci indica quali maledetti ‘crociati’.
Da uccidere senza distinzioni, comprese le donne e i bambini.

Manifestazioni

Fate una manifestazione. Se possibile numerosa. Se pensate di avere ragione su un qualche aspetto del nostro vivere associati e volete contrastare il pensiero e l’agire politico di tutti gli altri che vi avversano e vi imputano di lavorare per un futuro gramo dei figli e dei nipoti, una manifestazione può aiutare. L’effetto dura un giorno o poco più, ma intanto avete ‘battuto un colpo’ e affermato un diritto di pensiero e parola e non è poco, di questi tempi.
E non vi curate delle stime della Questura, che, il giorno dopo, riduce gli enfatici 100.000 dei giornalisti amici a 30.000 e forse meno, – fa parte dello strano gioco democratico per il quale la piazza di un giorno surroga i referendum e le elezioni politiche che darebbero risultati opposti a quelli che si propongono gli organizzatori di una manifestazione o dell’altra. Già. Chissà che esiti avrebbero referendum ed elezioni politiche incentrate sul troppo che stroppia delle cattive e folli politiche immigratorie di questo e dei precedenti governi che non riescono a impedire le partenze e a ridurre gli sbarchi – e i numeri dell’estate alle porte sono da mani sui capelli e la mitica ‘accoglienza diffusa’ dei folli buonisti di s-governo e ong associate tornerà ad essere l’invasione delle cavallette.

Le fake news e il sogno di Utopia

Le fake news e il sogno di Utopia

Il mondo felice è il sogno di Utopia. Un luogo che non esiste, come ben sapete, ma anche un luogo buono e bello quale solo nei sogni riusciamo a immaginare. E nell’isola di Utopia esiste anche una stampa e una televisione vocate a dire il vero e a perseguire i giusti obbiettivi di corretta informazione e conoscenza che dovrebbero essere il ‘giuramento di Ippocrate’ dei liberi giornalisti di una libera stampa all over the world.
Così non è, ahinoi, e il giornalismo – nostrano ed estero – è, invece, schieramento di fazioni l’una contro l’altra armata di ‘fake news’ sparate in prima pagina per ottenere i cattivi scopi di ogni fazione politico-giornalistica incurante del verbo e delle pratiche democratiche.
E la campagna di stampa contro il presidente eletto Donald Trump da parte della fazione ‘democrats’ che ha perso le elezioni e non riesce a farsene una ragione e ad elaborare il lutto e passar oltre conosce oggi il suo diapason di notizie farlocche e ‘rumors’ ridicoli e battute da bar sport rubate alla campagna elettorale più avvelenata della storia americana per le quali – a sentire i giornalisti del Washington Post e i loro confratelli miserabili e diffamatori da un tanto al chilo – si sente aria di ‘impeachment’.

E la sola e vera buona notizia di queste campagne diffamatorie dei democrats di ogni risma e veleno e rigurgito esofageo è che – a forza di rifilarci le notizie farlocche e i ‘rumors’ ridicoli e le battute da bar del senatore repubblicano in vena di facezie, usato sui loro fogli quale ‘utile idiota’ – ci stanno educando a riconoscere ‘a naso’ le cretinerie giornalistiche di coloro che imbastiscono campagne di stampa a fini anti democratici e per rovesciare l’esito delle elezioni ultime scorse, così che spegniamo radio e televisioni embedded e insopportabilmente faziose e passiamo oltre – e issiamo le vele della nave Speranza verso l’isola di Utopia di una buona ed equilibrata stampa futura capace di guarire dagli acidi rigurgiti di fazione e di mostrarci gli articoli di quel buon giornalismo che, sempre più di rado, emerge dalle nebbie del mare di questo nostro tempo infelicissimo e bugiardo.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Del parlare la lingua dell’amore – Ieri accadeva

Se non parli la lingua dell’Amore

Non è solo il ‘morire di maggio’ che esige ‘molto coraggio’ – come recita la nota canzone di De Andrè. Ed è metafora che dice il morire affanno atroce – e se è primavera e il sole scalda e tornano le rondini a riempire i cieli vuoti quell’affanno mozza davvero il respiro e chiude gli occhi.

Il vero coraggio è affermare le proprie opinioni ‘fino in fondo’ e i veri coraggiosi sono quei moribondi e i loro familiari che scelgono il funerale laico – e nessun prete strano intorno alla bara a incensare e a officiare i riti del trapasso e a ricordarci che solo la ‘resurrezione in Cristo’ dà senso alle nostre vite. Che sarebbe un bel conforto, non c’è discussione, ma cozza (l’ipotetica resurrezione) contro l’evidenza che di tutti i morti della storia dell’umanità non uno si è risvegliato ed è uscito dalla tomba fin qua – e Giosafatte è ormai un luogo mitico che scomparirà dalle enciclopedie non appena inizieranno i viaggi spaziali.

I funerali laici sono incontri informali di molte (o poche) persone che ricordano il vissuto comune di chi ‘ci ha lasciato’ ed esercitano il ‘conforto della memoria’ – che è quanto dire, scolasticamente: ‘A egregie cose il forte animo accendono le urne dei forti…’ Ma la memoria nostra di uomini e donne, lo sappiamo, è virtù neuronica fragile e bastano tre generazioni a mandare in rovina le gloriose urne e le tombe e disperdere i ricordi di chi ha vissuto ed è transitato tra ‘i più’ della Storia lontana.

E se la Storia non è magistra e tuttora va col passo del gambero (uno avanti e due indietro) è proprio perché la memoria è fragile, ahinoi, e ben lo sanno le maestre/i e i professori/esse quanto sia difficile riempire le zucche vuote di certe allievi di tutto quanto è necessario sapere perché la vita degli uomini e donne migliori col passare delle generazioni e il futuro torni ad essere quello sognato delle ‘magnifiche sorti e progressive’.

Però quei coraggiosi dei funerali laici hanno almeno il merito di metterci di fronte al senso finale delle cose. Che senso ha farsi benedire da un prete e ascoltare tutte quelle improbabili promesse di ‘vita dopo la morte’ e speranza di resurrezione -che tante discussioni hanno suscitato in vita, ma è solo nel momento del trapasso che devi dire la parola finale che ci angoscia: credo o non credo e chissà che Luce c’è dall’altra parte degli occhi che si chiudono per sempre.

E se Luce c’è, io credo ci sarà per tutti: credenti e laici e cristiani e ortodossi e induisti e islamici. L’intera umanità richiamata in vita (forse, chissà) a celebrare i fasti e i nefasti del comune cammino nel Bene e nel Male nel quale ci siamo impantanati senza ben sapere che senso avessero le guerre che abbiamo combattuto e le distruzioni e gli omicidi e i femminicidi e le corruzioni e le ruberie e le contrapposizioni politiche che fanno il nostro tristissimo e tragico ‘vissuto’ collettivo.

E, forse non a caso, c’è sempre qualcuno che, anche nel corso di un funerale laico, ci richiama alla mente la parola fondamentale, la parola ‘Amore’, comunque e con chiunque coniugata – e torna la lettera di san Paolo, interpretata in chiave laica, ma liaison con i ‘credenti’ di ogni fede, che ci ha incantato guardando il meraviglioso ‘film blu’ di Kieslowski.

Perché puoi ‘sapere tutte le lingue del mondo’, ma se non hai parlato la lingua dell’Amore nei giorni e gli anni della tua vita niente ha avuto un senso.

Amen e così sia.

A remake of the famous Blue film… by Krzysztof Kieslowski. I of assembly on the…
YOUTUBE.COM

Trascendenze e dintorni

Giulio Verne ce lo ha insegnato: laddove esistono fantasie e narrazioni di ‘20000 leghe sotto i mari’ e/o ‘Dalla Terra alla Luna’, di lì a poco avremo i sommergibili a propulsione atomica e ‘il primo uomo sulla Luna’ che vi pianta la bandiera degli Stati Uniti d’America. E la prossima missione spaziale ci dirà se quella bandiera davvero è stata infissa nel terreno lunare o se – come sostengono i complottisti di internet – è stato tutto confezionato negli ‘studios’ cinematografici di Hollywood per contrastare miseramente la supremazia dell’Unione sovietica nelle conquiste spaziali.

Ma quanto mi interessa farvi notare è che, se ‘Trascendence’, – il film con J. Deep andato in onda ieri sera su rai movie – oggi ci parla di intelligenza artificiale che fa aggio sulla nostra morte corporale prossima ventura, quelle fantasie narrative preludono, di qui a breve, a cose che noi umani del presente preistorico solo faticosamente e confusamente immaginiamo, ma saranno realtà concrete e vivibili di eternità e sopravvivenze virtuali quali le leggende religiose più spinte non hanno saputo realisticamente immaginare e predire.
Il film naufraga, nel finale, nei soliti stereotipi cinematografici di buoni contro cattivi e timori panici di ‘grandi fratelli’ – sempre loro – che prendono tutto il potere, e ci aspettavamo di più di tanta melensaggine e storia d’amore strappalacrime in un film che ipotizzava e basava la sua narrazione primaria su un futuro di tecnologie avanzatissime capaci di maneggiare nanotecnologie in grado di inverare quelle cose che oggi diciamo ‘miracoli’ – e ne diamo piena ed esclusiva gestione ai papi e ai cardinali e ai preti delle benedizioni e santificazioni di Lourdes e di Fatima, che tristezza!

Ma la cosa positiva è che la Storia è ‘galantuoma’ e, seppure mescola bassezze e stupidaggini preistoriche nel presente caos che ci avvolge – e nel quale fatichiamo a districare le cose vere e buone e giuste dal miserabile impasto di menzogne e cretinerie da sacrestia – alla fine ci consegna le narrazioni giuste e vere dei sommergibili a propulsione nucleare e i missili e le stazioni spaziali orbitanti e le spedizioni spaziali sulla Luna o su Marte e chissà dove.
Peccato non esserci e nutrire legittimi dubbi su una mitica resurrezione virtuale i cui particolare realistici e realizzabili ancora ci sfuggono – e meglio sarebbe stato farne un documentario scientifico piuttosto che un film dal nome pretensioso di ‘Trascendence’.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Ubi maior minor cessat

Venezia era stra piena, ieri pomeriggio e sera. E alle abituali centinaia di migliaia di turisti di ogni ordine e grado e censo si è aggiunta – e si distingueva e ‘saltava agli occhi’ – quella fauna bella ed elegante ‘da Biennale’ che riempie i ‘pavillons’ e i palazzi degli ‘eventi collaterali’ di esperti d’arte e giornalisti di ogni genere di foglio e rivista specializzata; e sostano sorridenti davanti ai tavoli imbanditi delle inaugurazioni col prosecco o lo spritz in mano e si dicono cose intelligentissime su come dovrebbe essere re inventato e meglio abitato il mondo – cose che ‘voi umani’ poco talentuosi e per niente artisti e pensatori neanche vi sognate.
E si sprecano le ‘living performances’ e i flash mob artistici che tanto piacciono ai turisti – che si fanno intorno in solluchero e/o partecipi commossi dell’evento e risuonano a ripetizione le mitragliate estatiche: i clic, clic, clic, dei cellulari.

E, curiosamente, niente neri coi borsoni taroccati in giro, né le decine degli esclusi mendichi di uguale colore che percorrono incessantemente la città. Come se ‘ubi maior minor cessat’ – e, dove appaiono le folle strabocchevoli della ricchezza di questa eminente ‘città d’arte’, città della gioia e dell’estasi estetica, scompaiono alla vista, in parallelo, gli ‘ultimi’ che, secondo il verbo evangelico e quello di Francesco, sono ‘il sale della terra’. Ma troppo sale non è favorevole alla vita, ben lo sappiamo, e diciamo ‘morto’ quel mare che di percentuale salina eccede ogni altro mare; e trovatemi un pesce che sia uno colto a guizzare in quegli inospitali abissi.

E il fattaccio di Roma, il ‘pasticciaccio brutto’ del quartiere Centocelle (un nome un incubo di socialità malata): quel rogo della roulotte dei rom fittamente abitata e morti bruciati un bambino e due ragazze, ci racconta di una miseria diffusa e che sempre più si diffonde nelle città italiane anche grazie al verbo di ospitalità e accoglienza universale di Francesco e del pd di s-governo e delle o.n.g. qui attirate dal miele del business dei migranti – e non c’è supermercato di città o paese che non sia presidiato da un nero che sosta prossimo ai carrelli della spesa e siamo sempre più curiosi di quali veritiere cose si sostanzi l’araba fenice di una ‘integrazione’ che ‘ci sia ciascuno (del pd) lo dice dove sia nessun lo sa’.

E questa anima tutta italiana dell’accogliere a milioni i bisognosi che ‘fuggono dalle guerre, dalla siccità e dalla fame’ soffrendo poi le conseguenze dei drammi sociali conseguenti al ‘troppo che stroppia’ – e ci costa una cifra spaventosa nel bilancio dello Stato – non ha uguali in Europa, dove, negli altri stati, si accoglie solo la quantità minima che si riesce a gestire dignitosamente e ci lasciano volentieri, a noi medici oltre modo pietosi, il compito di raccogliere e sfamare e accudire quegli altri, i reietti, mentre dura la contabilità asfissiante degli sbarchi e, in parallelo, quella dei morti annegati.

E di fermare le partenze, sola cosa sensata da fare, neanche a parlarne. Non è carino, ci fanno sapere le nostre anime belle di sinistra, misericordiose oltre ogni limite di buon senso comune.

Roma, (askanews) – Viale Primavera, parcheggio del centro commerciale. Quartiere Centocelle, a Roma. La gente,…
STREAM24.ILSOLE24ORE.COM

Le illusioni necessarie

Viviamo di illusioni e ne abbiamo bisogno. E anche se siamo stati disillusi una volta e mille non evitiamo di riproporcele e non ci esimiamo dal riprovarci. Così è stato per la vittoria di Hollande ed è finita nel modo indegno che sappiamo dalle cronache. E la grande speranza degli illusi socialisti e dei francesi che ne hanno appoggiato e votato la proposta politica ha mostrato al mondo come anche un ometto inadeguato al ruolo possa salire gli scalini dell’Eliseo e subire l‘onta ripetuta e non adeguatamente rintuzzata dei morti ammazzati per le strade e le piazze e i teatri e i ristoranti di Parigi – e la Francia in ginocchio e incapace di una risposta forte e rabbiosa al male che ha introiettato delle serpi in seno jahdiste e del ‘malaise’ delle periferie urbane divenute ingovernabili enclaves islamiste pochissimo e malamente integrate/bili.

Ed è ben vero che esiste uno iato tra la proposta politica e la sua propaganda elettorale e i fatti che ne seguiranno – e vale per Macron e sarebbe valso per Marine Le Pen, se avesse conquistato il gran soglio elisio – e aspettiamo al varco il fighetto, mondialista ed europeista nel peggior senso del termine, per sostanziare e dar corpo di fatti e misfatti il giudizio politico che ne daremo e se sarà un Hollande-due o un Mitterand redivivo, che dio lo/ci aiuti.

Ma se è vero che ‘il buongiorno si vede dal mattino’ la carta d’identità politica e personale di Macron e i suoi legami con i Rotschild e il suo essere la mascotte politica degli s-governanti europei dell’ultimo decennio di infamia e di cattive e nulle politiche immigratorie pesa come un macigno sul suo futuro operare e governare – e prepariamoci a subire ancora sconfitte e maledette stragi da parte degli jahdisti assassini e a pronunciare ancora e ancora le avvilenti geremiadi e le orazioni funebri che non hanno convinto gli elettori francesi a dire ‘basta!’ e dare mano libera a Marine Le Pen.

Le illusioni di riscatto e ‘nuovo inizio’ sono dure a morire e Macron ha tutta l’aria di esserne una nuova incarnazione. Chi vivrà vedrà.

Se anche i miracoli accadono

 

Sui giornali francesi di fazioni opposte si concorda sulla brutalità del dibattito televisivo tra Macron e Marine Le Pen. E, tra i benpensanti e gli incrollabili ‘buonisti’ di sinistra-centro, si mena scandalo per i ganci indiavolati e gli ‘jabs’ e i ‘diretti’ di Marine al mento del fighetto dei Rotschild, peraltro buon incassatore e favorito dai pronostici.
E in tale circostanza è naturale, negli ambienti della boxe, che gli assistenti e i consiglieri del pugilatore sfavorito dai sondaggi gli consiglino la strategia dell’attacco senza remissione di colpi, – ragion per cui ci viene da ridere nel leggere le recriminazioni e gli sdegni e gli alti lai delle anime belle sinistre che pretendono correttezza quando in gioco ci sono i valori nazionali e la sicurezza dei cittadini in un paese in guerra contro le enclaves del meticciato islamico che offrono tane e covi alle serpi in seno jahdiste e ai troppi ‘radicalizzati sul web’ del ‘disagio sociale delle banlieues’.

E su questa ed altre questioni calde e bollenti del nostro infelice vivere europeo nel terzo millennio – l’immigrazione senza limiti e/o invasione programmata delle o.n. g. dai bilanci opachi – non c’è, non ci può essere remissione di colpi e vero dialogo tra i sostenitori di questa e dell’opposta fazione perché è una ‘questione di fede e dottrina’. O di qua o di là – e sarebbe troppo complesso e sicuramente improduttivo cercare di addentrarci nei meandri neuronali e analizzare le complesse sinapsi che hanno costruito questa opinione e quella opposta.

Bisognerebbe tornare alla maieutica socratica e, a botte di domande e risposte guidate, trovare il bandolo della odierna matassa aggrovigliata dalle invasioni/immigrazioni di cui si dice che ‘ci pagano le pensioni’, – ma vedere tutti quei neri mendichi ad ogni angolo di strada e piazza o in galera per spaccio o ciondolanti in bivacchi attorno alle stazioni o impiegati a raccogliere pomodori e pagati una miseria in nero, viene il dubbio che si tratti, in realtà, di una maledetta ‘fake new’ di matrice boldrinian/renziana e che nessuna pensione futura sia alle porte, né lavoro ed integrazione positiva di quelle folle di neri per caso che ad Ercolano sono stati chiamati a votare per Renzi alle ‘primarie’ e il sindaco indigeno (pd) se ne dice ‘fiero’. Sono peripatetici questi renziani.

Aspettiamo domenica. Se la fede esiste e non è una ‘fake new’ forse anche i miracoli accadono.

Di semidei pasticcioni e futuri opachi

 

E dove finiva ‘The Truman show’ – un inno alla libertà degli ampi spazi ‘di fuori’ e una salutare fuga dalle scatole tecnologiche e virtuali che tutto inglobano e avviluppano: lì la narrazione televisiva da ‘grande fratello’, qui il web e i droni e le telecamere piazzate ovunque – comincia ‘The Circle’: narrazione sapiente e ottimamente narrata del nostro odierno ‘condividere’ e ‘partecipare’ ed ‘essere connessi’.
L’impero del web che, per la sua natura tecnologica apparentemente neutra – e dichiaratamente democratica e simpaticamente partecipativa: faccine, emoticon e ‘mi piace’ a chili – aspira a tutto comprendere e osservare e raccontare ed esserci nelle Rete, ma, alla fin della vicenda, risulta tremendamente appiccicosa e drammaticamente condizionante le vite delle persone al punto da non saperne/poterne più fare a meno – e riduce ad autentici zombie post tecnologici quei tali che vedi camminare per strada o nei bus con il cervello inscatolato e ben ri-confezionato dentro il loro smartphone-tamagochi – e scompare per intero il paesaggio naturale dai loro occhi e le persone che incontrano sono ombre scansate all’ultimo secondo e solo se gli gridi:’Sveglia!!’.
E io ci aggiungerei, di mio, un salutare: ‘Suonati!!’: qualità intrinseca di quei visitatori di un mondo alieno che è quello delle tecnologie del terzo millennio che chissà quali scenari da brivido ci riserveranno nel prossimo e remoto futuro.
E ‘The Circle’ avrà come suo sequel ‘La Gabbia’ o ‘La nave dei folli’, chissà, nella circolarità spazio-temporale che collega passato e presente.
E, nel film, quei melliflui inventori di software innovativi e algoritmi celestiali: i ‘guru’ dei nuovi software e le ‘applicazioni’ sempre più innovative che vanno sul palco a farsi applaudire dai discepoli entusiasti e ci illudono di una democrazia estesa e universale hanno anch’essi qualcosa da nascondere e torna l’incubo orwelliano del ‘Grande Fratello’ del nuovo impero mediatico che si mangia la privacy e il dissenso, ma, nel film, viene stoppato dalla sua stessa megalomania; e la trasparenza e la pubblicazione in rete dei loro files più segreti, in finale di partita, li mostra vecchi e sporchi come tutti gli aspiranti dittatori di ogni tempo e luogo: da Giove Olimpico a Nabucodonosor a Stalin e Hitler fino a Maduro – e non c’è barba di ideologia che li salvi e li distingua uno dall’altro e li riscatti nel finale; ed è una lotta permanente e all’ultimo sangue (o messaggino sul web) che condanna l’umanità tutta e sempre a ‘guardarsi le spalle’ da ogni appalto democratico e fiducia cieca consegnata nelle mani del novello guru di turno, come accade negli ashram indiani e/o all’interno di ‘The Circle’.
Bel film, bella riflessione sulla democrazia e dintorni e sulle tecnologie sempre più invadenti e di difficile gestione e controllo dei loro ultimi approdi.
Bel dibattito sul nostro essere semidei sempre conflittuali e un filo pasticcioni – come quel Faust che ‘non sapeva più fermare gli spiriti che esso stesso aveva evocato’. E il suo autore, in limine mortis, esclamava: ‘Luce, fate luce.’
Questione vecchia, già, ma sempre attuale.

The Circle è il film basato sul romanzo di Dave…
PANORAMA.IT

Di storie vere, metafore e sogni

 

R. Kapuscinsky, in un suo libro, racconta di un villaggio africano dove il vento solleva vortici di polvere e il caldo intenso chiude le persone nel chiuso delle capanne, ma, come un’apparizione, giunge una jeep dal deserto accompagnata da un camioncino e un regista conosciuto dagli abitanti allestisce in velocità coi suoi aiutanti un improvvisato set, parte una musica e, miracolo! ecco gli abitanti del piccolo villaggio uscire a gruppi dalle capanne – e prendono a danzare al suono di quella musica come se un misterioso copione fosse stato distribuito in anticipo.
L’evento dura poco più di un’ora e coinvolge l’intero villaggio – donne e bambini inclusi. Infine il regista e i suoi aiutanti salutano, ripongono le attrezzature e se ne vanno e torna il vuoto nella piazza e i mulinelli della polvere e il caldo africano e gli abitanti di nuovo chiusi nelle capanne in attesa della sera e della notte.

Possiamo partire da questo episodio e farne una metafora di tutto quanto accade da noi, in quei villaggi strani e campi profughi improvvisati sotto l’urto di una immigrazione massiccia e in crescita esponenziale che sono le nostre caserme requisite allo scopo e gli hotels vuoti requisiti dal ministero degli interni – e ne seguono le proteste degli abitanti e dei sindaci contro i prefetti che fanno il lavoro comandato loro dalle cattive politiche degli s-governi dai quali dipendono e ne sono la maledetta longa manus.

E dovremmo narrare – in parallelo alle polemiche sugli incessanti arrivi e sbarchi dai gommoni e i traghetti delle o.n.g. dai finanziamenti opachi che li prelevano a poche miglia nautiche dai porti di partenza – di come vivono quei neri dentro quelle strutture di una assistenza misericordiosa che ci hanno imposto col grimaldello della pietà e di una ‘legge del mare’ nata per gli occasionali naufragi e applicata invece, impropriamente, alle migrazioni bibliche dei migranti economici, alias clandestini, che pagano cifre altissime ai trafficanti di uomini e donne e bambini.
E dovremmo narrare di cosa fanno tutti quei giovani neri chiusi li dentro e quali progetti di vita sognano e perché, invece, li vediamo a nugoli aggirarsi per le strade mendichi o ciondolare a gruppi davanti alle stazioni e la chiamiamo ‘accoglienza’, ma ha tutto l’aspetto di una catastrofe umanitaria che non sappiamo gestire e che ha precipitato le nostre città nelle narrazioni dickensiane della miseria globale oscenamente esibita e della mendicità diffusa e della piccola criminalità urbana che riempie le carceri.

E avremmo bisogno di un regista che apparisse all’improvviso in queste nostre città e villaggi globali della mendicità oscena e povertà e microcriminalità diffusa che ci suonasse un’altra musica e improvvisasse il flash mob del cambiamento e di una vera accoglienza dove quei neri per caso degli sbarchi organizzati e profumatamente pagati e che generano il miserabile business dell’accoglienza italica e delle pelose o.n.g globali trovassero, invece, un lavoro onestamente pagato e una casa in affitto come facciamo tutti noi indigeni – ma qui siamo in un’altra storia e film di una altra epoca futura di cui non siamo sicuri che i titoli di testa preciseranno che è tratta da una ‘storia vera’.